5 ottobre 2014

Gli occhi di un essere decapitato


Ha prevalso l'istinto del cacciatore che con occhio fotografico intriso di curiosità giornalistica cattura momenti e li imprigiona in uno scatto per ricordare e documentare.

Un cavolo, qualche peperone, tre o quattro melanzane da grigliare e gustare condite con olio buono, aglio e prezzemolo. Un chilo di pane cotto a legna, un litro di latte e poi direzione casa attraverso la zona macellai del mercato. La fretta e il carico di borse e sacchetti non frenano l'istinto e catturo un'immagine insolita,  orrenda, crudele che rimane impressa nella memoria dello smartphone. Quello scatto recuperato dopo qualche giorno da una galleria d'immagini che scorre sul desktop attraverso volti e paesaggi di vita recente s'inchioda nel petto rallentando il mondo tutto intorno. Quella scena s'incunea fra occhi e mente creando disagio, sofferenza. Certo non mancano le immagini terribili, anzi ci inseguono ovunque attraverso mille schermi, non solo virtuali e questa di sicuro non è fra le "peggiori". Ma quel volto (muso?) quegli occhi di "essere decapitato" mi mettono a disagio. Mi guardano e con quegli stessi occhi vedo una umanità sempre più bestiale, antropofaga.

Ho pensato molto se pubblicare o meno la foto...
Paolo Maggi

Nessun commento: