27 febbraio 2014

Sugli scaffali Coop il tonno pescato a canna

Tonni adulti della specie “Pinna gialla” pescati con la pesca a canna, in grado di consentire catture selettive e di non compromettere gli stock delle specie a rischio di sovra sfruttamento. 
E’ il tonno Pole and line in arrivo sugli scaffali di Coop nella linea a marchio Fior Fiore ovvero il top dell’eccellenza gastronomica. Che unisce alla sostenibilità la grande qualità: un prodotto trancio intero, a lenta maturazione.

Sull’etichetta di questo nuovo prodotto, la cui lavorazione è completamente made in Italy, compare il bollino blu “Pescato a Canna”, l’avanguardia della pesca sostenibile perché non solo è un metodo one to one che fa a meno ovviamente sia delle reti che dei cosiddetti “FAD” (Fish Aggregating Devices) ovvero i sistemi galleggianti aggregatori di altri pesci. Ma è anche un metodo che richiede più manodopera, mentre la pesca industriale punta a ridurre al minimo gli equipaggi. Inoltre sul cluster del restante tonno a marchio abbiamo deciso di riportare in chiaro: la specie, il sistema di pesca utilizzato, le zone Fao di pesca evidenziate su un planisfero.
Queste ulteriori azioni non sono che la prosecuzione di un impegno decennale di Coop sul fronte della pesca sostenibile. Coop infatti  è stata la prima catena distributiva italiana ad essere inserita nell’elenco ufficiale delle aziende certificate “Dolphin safe”, progetto nato a seguito delle proteste degli ambientalisti in merito al sistema di pesca del tonno utilizzato dalle flotte operanti nell’Oceano Pacifico Orientale ed all’elevato tasso di mortalità di delfini che ne derivava. E così dal gennaio 2001 il tonno a marchio Coop è dotato del marchio “dalla parte dei delfini”, che indica la conformità allo standard di certificazione proposto dall’Earth Island Institute, organizzazione no-profit con sede a San Francisco e filiali in tutto il mondo, per la salvaguardia dei delfini nella pesca del tonno.
Inoltre Coop aderisce al progetto “Friend of the sea”, estensione del progetto Dolphin-Safe, e sempre supportato da Earth Island Institute, per una pesca ecologicamente e socialmente sostenibile, nel rispetto degli ecosistemi marini. Sempre inerente il settore della pesca, Coop ha deciso nel 2007 di sospendere la vendita di tonno rosso (Thunnus Thynnus) nei propri negozi per un corrispettivo di 6.000 animali all’anno. Con questa iniziativa Coop è stata la prima azienda italiana ad accettare la sfida della salvaguardia di una specie a rischio di estinzione.
Pao. Ma.

Jacopo Forconi nuovo presidente dell'Arci di Firenze

E' il successore di Francesca Chiavacci che ha guidato l'associazione per dieci anni.


E' Jacopo Forconi il nuovo presidente del comitato territoriale fiorentino dell'Arci. Forconi ha trentuno anni, ha già nel suo bagaglio la presidenza del Circolo Arci Le Due Strade – Tripetetolo di Lastra a Signa e dal 2009 è membro della segreteria dell'Arci di Firenze.
L'elezione di Forconi, all'unanimità, è giunta al termine del quinto congresso territoriale dell'associazione svoltosi dal 14 al 16 febbraio scorsi presso la Casa del Popolo di Tavarnuzze.
Succede a Francesca Chiavacci, che ha guidato il comitato per 10 anni.
“Proseguiremo – afferma il neo Presidente di Arci Firenze - il processo di rinnovamento generazionale e di innovazione delle azioni e delle pratiche del movimento associativo Arci nel territorio fiorentino con l'obiettivo di allargare la nostra rete al nuovo associazionismo”.
“Un ringraziamento particolare e sentito – aggiunge Forconi – va a Francesca Chiavacci per l'impegno, la dedizione e la passione con cui ha condotto l'Arci in questi anni”.
Il Congresso ha inoltre eletto il nuovo Consiglio Territoriale (il proprio 'Parlamentino') che vede una presenza di donne superiore al 40% e un deciso abbassamento dell'età media dei membri.
Infine, l'assemblea congressuale ha approvato sei ordini del giorno. In particolare, il Congresso si è espresso a favore del superamento della presenza degli apparecchi da gioco d'azzardo nei Circoli.

Uccelli migratori, inanellato anche un Codazzurro

Codazzurro
Anche un Codazzurro fra i 130  uccelli inanellati nel corso del secondo campo promosso dalla Provincia di Pistoia per monitorare le specie migratorie.
Al campo di inanellamento, realizzato in collaborazione con il COT (centro ornitologico toscano) all’interno dell’oasi di protezione Dynamo di Limestre,  hanno partecipato 17 soci del COT e alcuni studenti delle università di Firenze e di Pisa intenzionati ad approfondire le loro conoscenze in ambito ornitologico. Sono stati circa 130 i soggetti catturati appartenenti a 21 specie, tutte dell’ordine dei passeiformi (fra questi, pettirosso, tordo bottaccio, codirosso spazzacamino, cincia mora, cincia bigia, pispola, codirosso comune, luì piccolo, saltimpalo, ecc).
Pettirosso
Particolare attenzione ha meritato la cattura di un codazzurro: un evento davvero eccezionale che avviene con rarissima frequenza, in quanto si tratta di specie segnalata come “accidentale2 nel nostro paese. Il codazzurro, infatti, un piccolo passeriforme della famiglia dei muscicapidi con la caratteristica distintiva della coda di colore blu, dalle regioni dell’est Europa migra in Cina occidentale attraversando l’Himalaya e la sua presenza in Italia è casuale.
In contemporanea con quella dell'Oasi Dynamo di Limestre, è stata attivata un’ulteriore stazione di inanellamento anche presso la zona di protezione Val di Luce, nel Comune di Abetone.
Questa stazione, attiva dal 18 al 21 ottobre, ha realizzato 51 catture di 8 specie diverse di passeriformi migratori.

26 febbraio 2014

"Pontormo e il suo seguito" rush finale in nottura per la mostra a Empoli


Ultimi appuntamenti con la mostra che chiuderà il 2 marzo 2014. Venerdì 28 febbraio apertura straordinaria dalle 21.30 alle 23.30. Visite guidate.

Ultimi appuntamenti da non perdere per andare a visitare la mostra ancora in corso, Pontormo e il suo seguito nelle terre d’Empoli, che chiuderà il 2 marzo prossimo. Suggestiva la visita in nottura con l’apertura straordinaria di venerdì 28 febbraio dalle 21,30 alle 22,30. Alle 22 è prevista una visita guidata (minimo 15 persone, fino a un massimo di 35) con un costo di 7 euro (ingresso e visita guidata), prenotare entro le ore 13 di venerdì 28 febbraio telefonando allo 0571/757723 – 29; mail: cultura@comune.empoli.fi.it.Un’altra visita guidata si terrà anche il giorno seguente, sabato 1 marzo alle 11.30, con l’associazione gli ‘Amici di Nik’. “Pontormo e il suo seguito nelle terre d’Empoli” a cura di Cristina Gelli, con la direzione di Antonio Natali è realizzata dal Comune di Empoli nell’ambito del programma della Città degli Uffizi. Le opere esposte nella Casa del Pontormo, nella Chiesa e nella Compagnia di San Michele arcangelo aspirano a dar conto dell’eredità del magistero di Jacopo Carucci su alcuni artisti la cui attività trova espressione nel territorio empolese. La mostra ruota attorno ai due santi dipinti da Jacopo per “gli uomini di Puntormo” intorno al 1519 e conservati, da quel momento, all’interno della chiesa ad incorniciare un’immagine venerata. Nel san Giovanni evangelista e nel san Michele arcangelo si possono cogliere quegli elementi che fanno del Pontormo uno dei maestri della “maniera moderna”, attento alla lezione di Leonardo (suo primo maestro), interessato alle antichità ellenistiche e al contempo curioso di quanto accadeva Oltralpe.

25 febbraio 2014

Asilo nido ecologico a Calenzano

Il 3 marzo iniziano le attività del nuovo asilo nido di Settimello nel comune di Calenzano (Fi), realizzato interamente in legno, potrà ospitare 50 bambini.
“E’ una struttura all’avanguardia – ha commentato il Sindaco di Calenzano Alessio Biagioli – un edificio ecologico, a basso impatto ambientale, accogliente e confortevole". E’ stato realizzato da Arca Cooperativa Sociale, che, a seguito di una procedura di projet financing, ha sostenuto i costi di costruzione per un investimento di oltre 950.000 euro. Arca si occuperà inoltre della gestione complessiva dell’asilo nido. Dei 50 bambini, 35 proverranno dalla graduatoria comunale, con gli stessi prezzi applicati per i nidi
comunali. Gli altri posti saranno privati. La struttura, di 500 mq, dispone di un ampio giardino di mille metri quadri, in parte coperto e pavimentato e in parte a verde, sul quale si affacciano le stanze delle sezioni. Completano la struttura la zona sonno, la cucina e spazi comuni per le attività e i laboratori.

Pao. Ma.

21 febbraio 2014

Al via la Stagione concertistica "Musica al Ponte"


L'auditorium
Trentatre concerti di musica classica ma anche Jazz. In cantiere eventi culturali, convegni e l'apertura del Museo di arte sacra con capolavori di Giotto, Mantegna, Masolino, Paolo Uccello, Granacci, Filippo Lippi, Buontalenti e inestimabili opere d'arte orafa.

di Paolo Maggi 

Si comincia lunedì 24 febbraio con le note di Mozart e Strauss per “gruppi di fiati” ma in cantiere anche musica jazz e tanto altro.
La Chiesa di Santo Stefano al Ponte, in piazza di Santo Stefano 5 a Firenze, incastonata fra l'Arno e piazza Signoria presenta la nuova stagione
Giotto Madonna con Bambino
concertistica curata da Giuseppe Lanzetta per la musica classica e da Francesco Maccianti per il Jazz e non solo.  Trentatrè i concerti di musica classica internazionale eseguiti da alcuni dei migliori giovani musicisti italiani che accompagneranno il pubblico fiorentino per tutto l'anno per  un progetto che vuole dare visibilità ai concertisti che si affacciano alla ribalta musicale ma che incontrano tante, troppe difficoltà a trovare uno spazio adeguato per esprimere il loro talento. Lunedì 24 febbraio alle 21 concerto inaugurale con “Mozart e Strauss: la musica per gruppi di fiati”  dell'Orchestra dekl conservatorio G. Niccolini di Piacenza. Domenica 9 marzo, il secondo appuntamento, con brani di Franz Schubert, Reginald Smith Brindle, Enrique Granados, Dusan Bogdanovic, Astor Piazzolla, Andrea Portera e Radames Gnattali, mentre lunedì 10 marzo, il Duo Toscana Classica eseguirà musiche di Mozart, Tchaikovsky, Donizetti, Chopin e altri. Il terzo appuntamento, domenica 6 aprile, è dedicato invece ad alcune delle più celebri colonne sonore del grande schermo: Il pianista sull’oceano, Schindler’s list, Romeo e Giulietta, e altri.
Francesco Granacci "Pietà" 1525
Da molti anni la chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte accoglie eventi musicali, accanto a convegni ed eventi culturali. La struttura viene ora chiamata a importanti funzioni connesse anche alla riorganizzazione e riapertura del piccolo ma straordinario Museo di Arte Sacra che, insieme alla ex chiesa, nel corso di
quest’anno verrà aperto alle visite.
L’aula, una volta sede dell'Arte orafa,
diventa così sede di attività connesse alla

cultura, all’arte e al turismo. Il complesso è un vero e proprio scrigno che racchiude oltre a inestimabili opere d'arte orafa anche di capolavori firmati anche da Giotto, Masolino, Filippo Lippi, Paolo Uccello, Buontalenti, Granacci.
"La struttura di proprietà della Diocesi è stata fino ad oggi utilizzata – ha

spiegato Marco Jodice, presidente dell'Ufficio Diocesano di Firenze – come deposito provvisorio di oggetti d'arte provenienti dalle varie parrocchie per i più disparati motivi come lavori di ristrutturazione o rischio di furti".

14 febbraio 2014

Si balla con One Billion Rising


Ballo planetario contro la violenza per liberarsi da pregiudizi, conformismi e stereotipi. Le associazioni e gli attivisti di 169 paesi del pianeta hanno aderito a One Billing Rising for Justice che per la seconda volta nel mondo invita a ballare e ad alzarsi in piedi a testa dritta per affermare la giustizia, la libertà di essere se stessi, di vivere liberi. Una battaglia per tutti ma che in particolare per le donne significa anche essere libere dai rischi di violenza e abuso. A Firenze appuntamento venerdì 14 febbraio alle ore 19 in piazza Santa Maria Novella. Altri flash mob a  Pistoia, Lucca, Livorno, Prato. In molte scuole ci saranno iniziative nel corso della "ricreazione".

Di seguito un breve video clip e alcune immagini sul Flash Mob 2014 in piazza Santa Maria Novella 


video


















Paolo Maggi

11 febbraio 2014

Allerta meteo

stamani ore 7.55
Il bollettino delle 6.30 della Sala operativa della Protezione Civile della provincia di Firenze. Numerose criticità sulle strade
Allerta meteo in corso: nella notte si sono registrate precipitazioni sull'intero territorio provinciale (pluviometria massima 27mm/6h a Firenzuola). Nelle prossime ore sono previste ulteriori precipitazioni.
I livelli idrometrici del fiume Arno, Bisenzio, Ombrone PT e Sieve rimangono sopra i livelli di guardia anche se in lieve calo.
Criticità sulla viabilità principale: la SP41 di Sagginale è chiusa per allagamenti tra l'abitato di Sagginale e Dicomano, la SP90 Torri-Volognano-Rosano è chiusa per allagamenti all'interno dell'abitato di Rosano, la SP108 di Granaiolo-Castelnuovo (Castelfiorentino) è chiusa per allagamenti dal km 0 al km 1+700, la SP34 di Rosano è chiusa al km 7+400 per frana, la SP 16 Chianti-Valdarno è chiusa per frana al km 5, la SP107 di Legri e del Carlone è chiusa per frana lato Vaglia, la SP32 della Faggiola (Firenzuola) è chiusa per frana al km 0+600 e la SP306 è chiusa per frana al km 38 tra Marradi e Palazzuolo sul Senio.
ieri notte ore 23.57
Si segnalano inoltre numerosi allagamenti e detriti sulla viabilità, per tanto si raccomanda estrema cautela alla guida.

Le immagini sono della web cam www.ilmeteo.it

7 febbraio 2014

Spiagge "liberate" all'Argentario

"Una scelta di civiltà" è il commento a caldo di Legambiente alla scelta del comune di Monte
Argentario di riaprire tutti gli accessi a mare e renderli più accessibili per gli abitanti del territorio e per i turisti. «Liberare gli accessi chiusi è una campagna che l’associazione del cigno porta avanti con impegno e costanza da anni - ha detto fra l'altro il presidente nazionale di Legambiente Gentili - proprio perché è assurdo ed inconcepibile che i proprietari di terreni e abitazioni vicine al mare chiudano impropriamente i passaggi per arrivare a mare, trasformando ciò che è un bene destinato alla pubblica fruizione, in aree private e recintate. In tal modo infatti numerose spiagge e scogliere suggestive e particolarmente belle frequentate da numerosi anni dagli abitanti di monte argentario  vengono escluse alla pubblica fruizione».  "Ci auguriamo - ha concluso Gentili - che anche altri comuni costieri toscani e di altre regioni italiane, prendano questo come un esempio da seguire e assicuriamo la nostra collaborazione affinché l’iniziativa raggiunga gli obbiettivi annunciati.

6 febbraio 2014

La bella politica di Alessia Ballini

Il 2 febbraio del 2011 morì di cancro Alessia Ballini "una donna che ha fatto della bella politica una pagina di vita, impegnandosi nell'amministrazione del territorio e battendosi per i diritti di uguaglianza" come hanno scritto ricordandola  le componenti della Commissione Pari opportunità della Provincia di Firenze. Condivido. E' stata fra l'altro sindaca di San Piero a Sieve, assessora provinciale e poi consigliera regionale per il Pd. Si era anche battuta perché i farmaci a base di cannabinoidi fossero disponibili per i malati senza estenuanti procedure burocratiche.

Di seguito uno stralcio di una sua lettera pubblicata su Repubblica nel 2009.
“Da quando, circa un anno fa, mi hanno diagnosticato un tumore all'intestino, ho molto rivalutato l' uso metaforico di termini che hanno iniziato a far parte della mia quotidianità. Ascolto il Presidente del Consiglio usare il termine "metastasi" per descrivere meglio che può ciò che pensa della magistratura e non riesco ad astrarmi da quello che significa per me, i linfonodi gonfi sparsi nel mio corpo, la sofferenza delle cure che tentano di ridimensionarli. Centinaia di migliaia di persone hanno questa condizione in comune con me. Non c' è nessuno che lo consiglia sulla scelta terminologica? NON c' è un barlume di consapevolezza nella sua straordinaria capacità comunicativa? Da quando convivo con la mia malattia, ribellandomi, accettandola, lottandoci con tutte le energie che ho, la mia dimensione corporea ha assunto tutta la sua materialità, il suo predominio, la sua insopprimibile verità. Che io sono il mio corpo. Che il mio corpo non è separato dal mio spirito. Che sono entrambi miei e sono le uniche cose che possiedo. Guardo il dibattito parlamentare sul testamento biologico, annoto il suo triste esito e rammento che lo Stato sta mettendo le mani sulla mia dignità, presente e futura. Da quando la mia vita ha svoltato e mi hanno consegnato una nuova carta d' identità, quella che ognuno di noi ha in tasca e che chi è fortunato non dovrà mai tirare fuori, ho capito il significato impagabile, incomparabile di una sanità pubblica efficiente ed universale. L' istituzione che si fa carico di te, quando tu non puoi. Lo Stato che ti affianca, che ti sorregge, quando ne hai bisogno. Che tu sia ricco o povero. Comunitario o extra. Uomo o donna. Religioso o ateo. Questo è lo Stato che voglio. Che non mi invade, non mi prevarica. Che ha cura di me. Che mi rispetta. Che mi lascia libera. Che lascia libera la mia coscienza di decidere per me, per la mia vita. Dal mio punto di osservazione, parziale e, si fa per dire, privilegiato, l'attività del parlamento in merito alla vita e alla morte, al corpo e allo spirito, alla libertà e alla coscienza, appare di una povertà sconcertante. Tutti occupati a tutelare la libertà di coscienza dei parlamentari quando quella dei cittadini è definitivamente calpestata”.
Paolo Maggi

1 febbraio 2014

Festa di Sant'Agatina domenica a Sant'Agata




Domenica 2 febbraio a Sant'Agata,  frazione di Scarperia, si celebra la festa di "Sant'Agatina" per ricordare la patrona dei fonditori di campane e la protettrice delle donne con il tumore al seno. 
In cantiere anche degustazioni, mercatino dell'antiquariato, musica, aperitivi e pizza.
Si parte alle 10.30 con la processione nelle vie del paese, e la Messa nella chiesa. In piazza della Libertà dalle 11.30 sarà allestito l'angolo delle bevande calde e dolci fatti in casa dalle donne del paese, e dove sarà inoltre possibile sostare per un aperitivo presso il Bar "Osteriola". II Mercatino dell'Antiquariato sarà il vero protagonista di questa giornata, disposto nella piazza e lungo Via Montaccianico fino al Circolo Polivalente.
Alle 16 nella Pieve di Sant'Agata Concerto di musica sacra. Canta la corale"Monsignor Luigi sessa" diretto da Marco Pupo, organista James Gray.La festa si sposterà poi al Centro Polivalente dove dalle 18 sarà possibile mangiare la pizza, accompagnati da aperitivi e tanta allegria.
Info: tel. 338 2248989 - 055 8468165 - www.proloscarperia.it