24 aprile 2011

La "macchia" torna protagonista a Castagno d'Andrea

Dopo il successo della mostra della scorsa estate a Castagno d’Andrea, nel comune di San Godenzo (Fi), dal 10 luglio al 20 agosto 2011 tornano di scena i Macchiaoli, anzi i post-macchiaioli.
 “Con la nuova mostra "Pittori Macchiaioli tra '800 e '900 - Vita di una collezione una collezione di vita" si completa l'esposizione al pubblico di una tra le più interessanti e rigorose collezioni private di pittura tra Ottocento e Novecento - spiega il curatore, Giuseppe Figna -, andata dispersa dopo la morte del proprietario e che riunisce  un corpus di opere di alta qualità pittorica, con punte di assoluta eccellenza, che rivelano le straordinarie doti degli artisti e la squisita sensibilità ed il gusto del collezionista.”
L'esposizione di quest'anno, porterà ai piedi del Falterona un nutrito gruppo di opere di allievi, più o meno diretti, di Fattori, Lega, Signorini, che, pur nel rinnovamento, con il rispetto delle origini e la tipicità degli insegnamenti ricevuti, consente di seguire l'evoluzione di questo movimento verso la moderna pittura europea.
Opere di assoluto valore che, in molti casi, rappresentano i vertici raggiunti dai loro autori. Splendidi, in particolare, i dipinti di Francesco e Luigi Gioli, Angiolo, Ludovico ed Adolfo Tommasi, Ulvi Liegi, Llewelyn Lloyd, Oscar Ghiglia. Interessantissime e finissime le piccole tavolette di Vinea, Andreotti, Sorbi. Mirabile il disegno di Filadelfo Simi studio preparatorio per il quadro “Un mazzo di fiori” attualmente esposto al Castle Museum di Nottingham.Come non citare poi i rari acquerelli del Cecchi o il bell'esempio della pittura divisionista di Benvenuto Benvenuti o le opere di Bartolena, Puccini, Gambogi e Natali.
Questo per citare solo alcuni dei 30 artisti, con 65 opere, che vengono presentati nella grande sala del Circolo Rainetti in località Il Castagno d'Andrea.
Arricchisce la mostra una interessante e ricca selezione di oggetti, fotografie e documenti che aiutano ad inquadrare il periodo storico in esame.
Inoltre la manifestazione si legherà con l’”Estate Musicale”, che poterà nell’attigua chiesa, che ospita il Crocifisso di Pietro Annigoni, alcuni dei maggiori nomi della classica mondiale.
Motivo in più, insieme alla bellezza del paesaggio, la qualità dell’aria, ad una eccellente enogastronomia, per scegliere di vivere una giornata, nel nome dell’arte a Castagno d’Andrea.
Pao. Ma.

23 aprile 2011

In bici da Lucca a Marina di Vecchiano

Si aggiunge un altro "tassello" alla pista ciclopedonale "Puccini" che da Lucca arriverà al lago di Massaciuccoli e fino al mare, a Marina di Vecchiano. 
L'intera pista ciclopedonale "Puccini" al suo completamento misurerà 45 km. Sono stati realizzati gli interventi della provincia di Lucca lungo il Serchio, da Ponte S. Pietro fino a Cerasomma, ed ora sono in corso i lavori sul fronte versiliese, precisamente nel tratto a sud-est del lago con un percorso che raggiungerà il porticciolo di Massaciuccoli. Dei tre stralci funzionali previsti (l'investimento è di circa 1 milione di euro), il primo riguardante la pista ai piedi del Monte Cocco sarà ultimato nel giro di tre settimane, il secondo è stato appaltato a metà febbraio mentre il terzo, che riguarda il tratto a sud del lago e l'ultima porzione lungo le vasche della pescicoltura, è stato appaltato di recente.
Per quanto riguarda invece la provincia di Pisa si stanno concludendo i lavori del tratto di 8 km compreso tra il confine tra le due province e il Teatro Rossini, a Pontasserchio, per il quale Regione Toscana, provincia di Pisa e comune di S. Giuliano hanno investito 500 mila euro e poi inizieranno i lavori per il tratto oggetto dell'accordo odierno. Secondo quanto condiviso nel protocollo, la provincia di Pisa contribuirà con 85mila euro, mentre quella di Lucca con 45 mila. Ai Comuni saranno assegnati i successivi compiti di manutenzione.

7 aprile 2011

Maggiolino d'aprile

... o meglio Coccinella!

4 aprile 2011

Guida online sugli oli e le aziende

Un vademecum con oltre cento varietà d’olio d’eccellenza, i migliori produttori e le aziende del territorio, e la comodità di avere tutto a portata di click. Sono queste le caratteristiche – riunite insieme – de “I luoghi del maestro d’olio”, prima guida internazionale online sull’olio extravergine d’oliva e sui territori degli oli franti nell’ultima produzione del 2010. Un progetto che nasce dall’idea di Fausto Borella, esperto di enogastronomia, che racconta oli e territori del nostro Paese, legando i mille sapori dell’extra vergine d’oliva italiano alla storia delle zone dove viene prodotto uno dei simboli del made in Italy. Novità assoluta della guida, la possibilità di consultare il materiale direttamente in rete, oltre al vantaggio di avere a disposizione un prodotto in costante aggiornamento. La guida può essere reperita soltanto sul sito www.iluoghidelmaestrodolio.it al costo di 8 euro. Al momento dell’acquisto l’utente riceverà ‘user name’ e password per accedere ai contenuti da qualsiasi connessione.  Nella guida trovano posto d’onore gli oli della Sicilia, quelli della Puglia – abbinabili a numerosi piatti – e quelli della Toscana, oltre a dodici aziende ‘eccellenti’ che hanno ottenuto la corona di ‘Maestro d’Olio’, riconoscimento attribuito da Fausto Borella ai migliori produttori d’olio. Tra questi, quattro sono in Toscana (Fattoria di Fubbiano a Lucca, Fonte Veneziana ad Arezzo, Fattoria di Felsina Berardenga, Clivio degli Ulivi a Capalbio), due in Sicilia (Planeta Menfi, Mandranova Palma di Montechiaro) e gli altri in Puglia (Fratelli Ferrara di Trani), Campania (Madonna Dell’Olivo a Serre), Umbria (Villa della Genga Poreta a Perugia), Trentino (Madonna delle Vittorie di Arco), Lombardia (Comincioli di Puegnano del Garda) e Veneto (San Casciano di Mezzane di Sotto). La guida, già disponibile in tre lingue (italiano, inglese e tedesco), nelle prossime settimane sarà tradotta anche in francese e spagnolo.
Firenze, 4 aprile 2011

2 aprile 2011

In Toscana i Mondiali di Pesca Sportiva 2011


Novità di questa edizione il “catch and release”: tutti i pesci pescati saranno rimessi in acqua

I pesci d’Arno e Tevere, ma anche quelli d'acqua salata  hanno di che temere. Dal 28 agosto al 4 settembre prossimi saranno insidiati dai pescatori sportivi più bravi del mondo.
La Toscana è infatti una delle sei regioni italiane che ospiteranno le prove della III edizione dello Sport Fishing World ChampionShips insieme a Lazio, Emilia Romagna, Umbria, Liguria e Trentino Alto Adige. Oltre 2500 atleti, 1100 tra tecnici e accompagnatori, 1500 tra commissari e giudici di gara per un totale di circa 5100 partecipanti in rappresentanza di 66 nazioni che si confronteranno in ben 26 competizioni, divise per acque interne (fiumi e laghi) e in mare.
La cerimonia di apertura è prevista sul campo principale del fiume Arno, nel tratto fiorentino che comprende il parco delle Cascine. Le province toscane interessate oltre a Firenze, saranno Arezzo, Pisa, Livorno, Lucca, Massa Carrara e Grosseto.
“La scelta toscana – ha detto fra l’altro l’assessore Toscano Gianni Salvadori in occasione della conferenza stampa di presentazione dei Mondiali a Roma - testimonia la qualità dell’ambiente e delle acque presenti in Italia e in toscana che, con i suoi oltre 2000 corsi d’acqua pari ad un sviluppo di più di 14mila chilometri, rappresenta una delle regioni a maggiore sviluppo di acque interne”.
Acque che hanno nei pescatori le loro “sentinelle” e non a caso il 
rapporto fra le Associazioni dei pescatori e gli Enti locali è stretto e fecondo di attività che vedono gli ecosistemi acquatici come punto di inizio, per continuare nella cura dell’ambiente fluviale, con l’obiettivo della
conservazione, l’incremento e il riequilibrio delle popolazioni ittiche . A questo va aggiunta una intensa attività progettuale che porta i valori della pesca verso il mondo delle scuole, dei giovani e verso il mondo della disabilità. Attività che hanno visto l’impegno costante della Fipsas (Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee) che ha il compito non facile di organizzare un evento così imponente come i Mondiali. “L’Italia ha la caratteristica di avere mari, fiumi e laghi idonei ad essere campi di gara – ha detto fra l’altro in conferenza stampa il presidente nazionale della Fipsas Matteoli - ed è stato per noi un duro compito fare una scelta tra le numerose località . Abbiamo cercato le regioni tra loro più vicine per agevolare gli spostamenti degli atleti e di tutta la macchina organizzativa dei campionati. L’altra grande caratteristica dei nostri Campionati – ha sottolineato Mattioli - sta nel rispetto della natura: ”CATCH and RELEASE” cioè in tutte le discipline previste i pesci, una volta pescati, vengono rimessi in acqua. Un’altra particolarità risiede nel fatto che per la “pesca al tonno” non è previsto solo il rilascio in mare della preda ma anche la sua marchiatura per monitorare in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente il flusso dei tonni nelle nostre acque”.
La toscana svolgerà quindi un ruolo importantissimo in questi mondiali sia per la collocazione geografica, sia per la varietà dei “campi” di gara che si snodano tra la costa e le rive dell’Arno e del Tevere. Un ruolo che entusiasma e appassiona tutto lo staff della Fipsas toscana guidata dal presidente Vinicio Berti che è anche membro del Comitato organizzatore dei Mondiali.

LE GARE IN TOSCANA

Acque dolci

Disciplina                                          Località       Campo Gara
Pesca al Colpo – Donne                    Firenze       F. Arno/Terrapieno
Pesca al Colpo – Master                   Firenze        F. Arno/Fonderia
Pesca al Colpo – Giovani U14           Pisa            F. Arno/Fornacette
Pesca al Colpo – Giovani U18           Pisa            F. Arno/Castelfranco
Pesca al Colpo – Giovani U22           Pisa            F. Arno/Calcinaia

Acque marittime

Disciplina                                    Località           Campo Gara
Pesca da natante – Seniores        Livorno           Secche di Vada
Surf Casting – Uomini                 Lucca              Migliarino
Surf Casting - Donne                  Massa Carrara   Massa/Carrara
Canna da riva                             Grosseto         Porto S. Stefano
Long Casting                              Pisa                Coltano

Pesca con la mosca

Disciplina                               Località           Campo Gara
Pesca con mosca – Giovani    Arezzo            Fiume Tevere

Casting
Disciplina        Località                      Campo Gara
Seniores          Firenze                       Quercione
Giovani           Firenze                       Quercione


Pao. Ma.