23 luglio 2010

Santuario dei cetacei: "Primatist Trhopy" annullato

di Paolo Maggi

E' una piccola buona notizia. L'area tormentata da problemi di "traffico" e inquinamento.

La ministra all’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, ha deciso di ritirare l'autorizzazione allo svolgimento del Primatist Trophy 2010, la gara di motonautica prevista il prossimo 27 luglio nelle acque del Santuario dei Cetacei, a largo della Toscana. "Una piccola buona notizia - commenta il Wwf - di applicazione di norme di tutela esistenti, rara in un periodo in cui si prevede di dimezzare i fondi per i parchi italiani e quindi per la vigilanza e la conservazione".

Nel Santuario dei cetacei balene e delfini, dovrebbero poter nuotare liberamente e in tutta sicurezza mentre invece queste acque sono continuamente tormentate dal trasporto marino e dalla pesca che rischia di alterare l’habitat dei cetacei.
Tra le regole stabilite nel Santuario, vige l’obbligo di "garantire uno stato di conservazione favorevole dei mammiferi marini proteggendoli, insieme al loro habitat, dagli impatti ambientali negativi diretti o indiretti delle attività umane".

"In realtà la regolamentazione “è ancora del tutto inefficiente - come denuncia il WWF -, e non in grado di garantire la gestione efficace del Santuario e il rispetto degli obiettivi".
Il divieto delle gare porta un po’ di sollievo, anche se gli ultimi dati che arrivano dalle analisi effettuate da Greenpeace in questa zona non fanno cedere tanto facilmente all’ottimismo. Secondo l'associazione ambientalista infatti, nella zona è stata riscontrata una presenza massiccia di batteri fecali, che rendono praticamente impossibile la balneazione: il colmo per un’area protetta che dovrebbe essere al riparo da fonti di inquinamento!
Foto di GIOVANNI VIGNATI

Greenpeace ha evidenziato l’assurdità del massiccio traffico di navi, che nel periodo estivo arriva a livelli insopportabili per i cetacei: 200 imbarcazioni al giorno, tra cui navi passeggeri e traghetti, tanker e cargo, che spesso trasportano sostanze pericolose. Dalle analisi effettuate nelle acque del Santuario emerge poi che su 28 stazioni controllate, ben 6 hanno rilevato una pesante contaminazione da coliformi e streptococchi fecali: il 10% in più rispetto all’anno precedente. E il peggio è che coliformi e streptococchi fecali sono tipici degli scarichi fognari, che non dovrebbero trovarsi in alto mare e che quindi è verosimile che provengano dagli scarichi scarichi di navi traghetto e da crociera.

3 commenti:

silvia.paperblog ha detto...

Buongiorno Paolo,
Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a far parte di certe rubriche del nostro sito e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti, domande o suggerimenti,

Silvia
Responsabile Comunicazione
Paperblog Italia
silvia@paperblog.com

gianni ha detto...

Sono l'autore dell'immagine relativa al santuario dei cetacei. L'ho pubblicata come copertina della Rivista Marittima qaulche anno fa.
Sarebbe stato meglio citare la Rivista o almeno chiedere ma pazienza.
L'imposrtante è amare il mare.
saluti
Gianni Vignati
vignatig@hotmail.com

Paolo ha detto...

Caro Gianni, come ti ho già scritto per email ho utilizzato la tua immagine perchè bella ed efficace. ti faccio le mie scuse per averla utilizzata senza permesso.
Di soltio utilizzo immagini realizzate da me o , appunto, autorizzate.